Caffè Ethiopia

Caffè Ethiopia

Tra i caffè arabica, la selezione Ethiopia merita una menzione speciale, in quanto può essere definita come la più pregiata e apprezzata.
Il nome fa riferimento alla sua provenienza e rimanda ai sapori tipici del CentroAfrica. In Etiopia, la pianta del caffè nasce spontaneamente sulle strade, tanto che si tende ad eleggere questo luogo come unico Paese di origine di questa meravigliosa bevanda.

La famosa cerimonia del caffè si tramanda di generazione in generazione e consiste in un rituale molto antico.

Forse è proprio l’amore e il rispetto per la terra il vero segreto del caffè Ethiopia, oggi il più ricercato e apprezzato. Questo legame è talmente forte e così profondamente radicato che, nonostante le continue difficoltà, le popolazioni continuano a mettere in atto i gesti di una volta, sia nella coltivazione che nella raccolta del caffè.

L’Etiopia ha una conformazione prevalentemente montuosa, tale per cui le coltivazioni possono trovarsi anche a oltre 2000 metri di altitudine. Nonostante ciò, si tratta di piantagioni molto estese, con piante che possono raggiungere altezze davvero importanti, arrivando fino a 20 metri.
Il caffè, però, può nascere anche nei cosiddetti coffee garden, cioè piccoli appezzamenti gestiti da famiglie locali. In pratica, ogni famiglia si dedica alla coltura del caffè, per poi trattare il prodotto all’interno delle washing station, ormai presenti in tutto il territorio.
Per l’economia etiope, il caffè è essenziale ed è spesso l’elemento trainante dell’intero commercio locale.

Le note del caffè Ethiopia

Per essere così amato, il nostro caffè Ethiopia conserva in ogni chicco il sapore della terra, tanto da renderlo particolarmente intenso e avvolgente. I suoi chicchi, infatti, sono considerati tra i migliori al mondo e ciò si deve, soprattutto, alla varietà del terreno in cui è coltivato.
Dopo la raccolta, è possibile procedere con trattamenti specifici, arrivando così a ottenere un caffè molto corposo e dall’aroma persistente, che pervade il palato fin dal primo sorso. Il metodo di lavorazione più adottato è quello del processo naturale (a secco), che consente di rivelarne a pieno il gusto, con richiami al mirtillo e al muschio di montagna.

È proprio sugli altopiani etiopi che gli agricoltori spargono i chicchi e li preparano per l’essicazione, utilizzando letti rialzati. Per un periodo di quattro settimane, il caffè si asciuga al calore del sole africano, girandolo con cura e regolarità, in modo tale da ottenere un’asciugatura perfettamente uniforme su tutti i lati.

A chi si addice il caffè Ethiopia

E’ un caffè perfetto per chi ama gli equilibri e le armonie. Assaporandolo si percepisce il perfetto equilibrio tra le note dolci e quelle amare, lasciando in bocca un retrogusto floreale e aromatizzato. Anche il profumo è energico e deciso, con sentori di spezie e accenni di rhum. Non mancano i rimandi a toni fruttati e dolci, mentre l’acidità è praticamente annullata. La base non sarà mai robusta o amara; il caffè che si ottiene è dolce, con un sapore unico nel suo genere, che fa da contraltare alla corposità del gusto. Chiudendo gli occhi si percepiscono chiaramente gli aromi delicati dei frutti di bosco e della frutta tropicale, in un crescendo di intensità e di freschezza.

Potrebbero interessarti anche